IsGas

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Home > Il Prodotto > Consigli tecnici

ImpiantoImpianto gas, termini e definizioni.

  • Apparecchio di utilizzazione: apparecchio provvisto di uno o più bruciatori e dei relativi organi di comando, controllo e sicurezza.
  • Impianto interno: tubazioni ed accessori che distribuiscono il gas dal contatore (escluso) agli apparecchi utilizzatori.
  • Impianto domestico: insieme costruito dall'impianto interno, dagli apparecchi di utilizzazione, dai dispositivi di ventilazione dei locali e di scarico dei fumi di combustione.

Installazione degli apparecchi a gas

  • Responsabilità dei committente (colui/colei che affidano i lavori): siete tenuti per disposizioni legislative, ad affidare i lavori di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione egli impianti solamente ad imprese abilitate.
  • Soggetti abilitati: le competenze relative all'installazione sono limitate a ditte/imprese, regolarmente iscritte alle Camere di Commercio, Industria e Artigianato provinciali. Chiedete prima di affidare i lavori il Certificato di iscrizione alla Carnera di Commercio, nella quale deve comparire l'abilitazione alla lettera e) art. 1 legge 46/90.
  • Installazione: le imprese installatrici sono tenute a realizzare gli impianti secondo "la regola dell'arte". I materiali e le installazioni realizzate secondo le norme tecniche di sicurezza dell'UNI-CIG, nonché nel rispetto della legislazione tecnica vigente si considerano costruiti a "regola d'arte". Al termine dei lavori l'impresa installatrice è tenuta a rilasciare al committente le certificazioni e gli allegati obbligatori di cui alla Legge 46/90.
  • La dichiarazione di conformità degli impianti interni dovrà esserVi rilasciata entro 30 giorni dal momento in cui sia possibile esercire l’impianto con il gas di rete.

Montaggio impiantiCollegamenti con tubi flessibili

Gli apparecchi fissi e quelli ad incasso devono essere collegati all'impianto con tubo metallico rigido oppure con tubo flessibile di acciaio inossidabile. Le stufe fino a 3,5 Kw, le cucine ed i fornelli possono essere collegati con tubi flessibili non metallici, che devono essere fissati solidamente al portagomma mediante fascette di sicurezza. I tubi flessibili non metallici (gomma) devono avere la marchiatura UNI-CIG 7140 e riportare l'anno di scadenza. Occorre, pertanto, verificarne lo stato di conservazione e provvedere alla foro sostituzione prima della data di scadenza.

Evacuazione dei prodotti della combustione

I prodotti della combustione dei gas sono detti comunemente fumi. Per garantire l'uso sicuro di apparecchi a gas per i quali è previsto lo scarico dei fumi, è indispensabile un efficiente scarico degli stessi all'esterno (preferibilmente in canna fumaria). Tipo e dimensione della canna fumaria devono rispettare le norme UNI-CIG.

Ricambio d'aria e ventilazione dei locali

Gli incidenti che più frequentemente si verificano con l'uso delle apparecchiature a gas nelle utilizzazioni domestiche, sono quelli provocati da una insufficiente ventilazione dei locali, in particolare se dotati di serramenti a forte isolamento termico. Pertanto è Indispensabile che nei locali in cui sono installati apparecchi a gas con circuito di combustione non stagno, possa affluire tanta aria quanta ne viene richiesta per una regolare combustione dei gas consumato. A tale riguardo gli installatori qualificati possono svolgere un ruolo decisivo nella prevenzione attiva degli avvelenamenti da ossido di carbonio, aiutandovi ad apporre tutti gli accorgimenti necessari.

ConsigliApparecchi di cottura

Tenete sempre puliti i bruciatori. Un bruciatore sporco fa consumare di più e può essere causa di pericolo. Controllate la fiamma che deve risultare ben tesa ed azzurra, mentre se risulta irregolare e giallastra ha bisogno dell'intervento da parte dell'installatore o manutentore. Le pentole che contengono liquidi in ebollizione non vanno mai lasciati incustoditi nel fornello, soprattutto quando hanno il coperchio, i liquidi infatti possono traboccare e spegnere la fiamma, mentre il gas continuando ad uscire può provocare situazioni di pericolo.
In caso di acquisto di una nuova cucina o di un piano di cottura ricordate che è opportuno acquistare un modello che sia dotato di dispositivo di controllo della mancanza di fiamma (termocopia)

Contatori

Il contatore è il punto finale dell'impianto ISGAS. dal quale inizia l'impianto interno di competenza del cliente. E' inoltre lo strumento di misurazione del quantitativo di gas consumato e quindi fatturato. La prima apertura dopo la stipula del contratto deve essere eseguita dai tecnici di ISGAS o da ditte da essa incaricate. In occasione della chiusura del contratto, la piombatura e il rilevamento dei dati sul numeratore del contatore, per il conguaglio di fine contratto, devono essere eseguiti dai tecnici di ISGAS.